Opel: ecco la Corsa elettrica plug-in


Se anche la Corsa diventa elettrica, vuol proprio dire che il mondo delle city car sta cambiando… Alla sesta generazione, l’utilitaria che ha conteso a Fiesta, Polo, Clio il primato in Europa è stata rinnovata profondamente fin dal pianale: è basata infatti sulla nuova meccanica CMP, la stessa delle DS 3 Crossback e Peugeot 208 (perché dal 2017 la Opel fa parte della PSA, il gruppo delle Citroën, DS e Peugeot). Questo  ha consentito ai progettisti di aumentare non solo la lunghezza del modello, che passa da 402 a 406 cm, ma anche di abbassarlo da 149 a 143 cm. Il nuovo telaio ha permesso inoltre di ridurre il peso fino a 40 kg rispetto al vecchio modello, con ovvi vantaggi

Torniamo alla versione elettrica, ordinabile tra pochi giorni. Non a caso Opel ha scelto di svelate per prima la Corsa-e che si affianca alle versioni dotate di motori a benzina e diesel.  Dispone di un motore elettrico da 136 CV alimentato da batterie con 50 kWh di capacità. Le prestazioni sono di buon livello per un’utilitaria, perché la Corsa-e è in grado di raggiungere i 100 km all’ora con partenza da fermo in 8,1 secondi, con un’autonomia massima di 330 km. Da luglio 2019 saranno pronti per gli ordini anche i benzina 1.2 a tre cilindri da 75 CV oppure turbo da 100 e 130 CV, oltre al diesel 1.5 da 100 CV. Per il benzina da 130 CV è optional il cambio automatico a 8 marce.

Le prime immagini mettono in risalto linee più tese e decise rispetto alla vecchia generazione: la nuova Opel Corsa ha una mascherina sottile e allungata, un cofano meno arcuato e fiancate che appaiono “vive”, per effetto delle scalfittura nella parte bassa e alla base dei vetri laterali. Spiccano inoltre lo spesso montante posteriore del tetto ed i fanali orizzontali, oltre al lunotto più inclinato e raccolto. Il baule passa da 285 a 309 litri con il divano in posizione d’uso, un dato abbastanza buono per la categoria

La plancia ha un andamento a onda e si può avere anche con il cruscotto digitale di 10” (sulle versioni meno costose è a lancette), una delle tante dotazioni che l’utilitaria tedesca riprende da vetture più costose: fra le altre anche i fari a matrice di led, composti da otto diodi luminosi che un software può spegnere singolarmente per creare un “cono d’ombra” attorno ai veicoli incrociati per la strada. La nuova Corsa è dotata inoltre del sistema che riproduce i segnali stradali nel cruscotto, del regolatore di velocità adattivo e del monitoraggio dell’angolo cieco negli specchietti. Lo schermo a sfioramento nella consolle misura 7”. Conquisterà nuovamente i mercati?

17 giugno 2019 (modifica il 17 giugno 2019 | 12:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin