Novara nella rete mondiale per la lotta al tumore del seno


Novara diventa centro di eccellenza nella cura del tumore del seno, “in rete” con i maggiori istituti europei e internazionali. Le cinquecento donne del novarese che ogni anno ricevono una diagnosi di tumore al seno e le 4 mila pazienti già in trattamento nel reparto di Oncologia dell’Ospedale Maggiore della Carità di Novara, potranno essere curate come nei migliori centri Usa ed Europei, usufruendo di protocolli di cura avanzati, innovativi e condivisi.

Le nuove opportunità

Ma non solo: all’Ospedale di Novara parte un progetto europeo di ricerca traslazionale sul tumore del seno, guidato e coordinato da Alessandra Gennari, Professore Associato di Oncologia dell’Università del Piemonte Orientale. Il progetto, che ha ricevuto anche un finanziamento di AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), condotto in collaborazione con l’Università di Monaco (Germania), punta a scovare delle nuove chiavi “selettive” per identificare, fra le donne affette da malattia avanzata e con recettori ormonali positivi, coloro che potranno trarre un beneficio reale dall’ormonoterapia.

Il congresso annuale

Cure innovative, avanzamenti nella ricerca di biologia molecolare nel tumore al seno, tollerabilità e sostenibilità terapeutica, ma anche cardioncologia e oncogeriatria saranno alcuni temi al centro del congresso “Innovators in Breast Cancer” (Baveno, 26-27 ottobre 2018), prima edizione di un appuntamento che avrà cadenza annuale e che radunerà i massimi esperti internazionali a confronto sullo stato dell’arte e gli orizzonti futuri nel trattamento del tumore del seno. «Fare network con i migliori centri internazionali – dichiara la professoressa Gennari – deve essere un obiettivo prioritario nel trattamento del tumore al seno come di ogni altra patologia oncologica».

25 ottobre 2018 (modifica il 25 ottobre 2018 | 11:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin