“Non ho mai conosciuto questa persona”


Le indagini sulla morte di Imane Fadil, l’ex modella marocchina di 34 anni che era una delle testimoni chive nel processo ‘Ruby ter‘, sono ancora in corso e i primi elementi lasciano pensare che la giovane possa esser stata uccisa e oggi uno dei principali imputati di quel procedimento penale, Silvio Berlusconi, ha rotto il silenzio sulla vicenda, smentendo di aver mai incontrato Fadil e screditando le sue testimonianze.

Giungo oggi a Melfi, in provincia di Potenza, per la campagna elettorale di Forza Italia in vista delle elezioni di domenica prossima, Berlusconi ha risposto alle domande dei giornalisti:

Spiace che muoia sempre qualcuno di giovane. Non ho mai conosciuto questa persona e non le ho mai parlato. Quello che ho letto delle sue dichiarazioni mi ha fatto sempre pensare che fossero tutte cose inventate e assurde.

Se Berlusconi nega di aver mai incontrato la modella, l’ex direttore del TG4 Emilio Fede, uno degli assidui frequentatori delle cene di Arcore organizzate dall’ex Presidente del Consiglio, al Fatto Quotidiano ha raccontato di ricordare bene la giovane modella:

La conoscevo, le volevo bene. Era una brava ragazza con dei problemi economici, la sua famiglia era povera. Un paio di volte le ho pagato il taxi da piazzale Loreto a casa, mi auguro con tutto il cuore che si chiarisca la vicenda.

Saranno ovviamente i magistrati a chiarire gli incontri che Berlusconi smentisce categoricamente, ma stando alle carte dei due processi che si sono già celebrati sulla vicenda, Imane Fadil – ritenuta una testimone credibile dai giudici – aveva partecipato alle cene di Arcore almeno 6 volte, in due occasioni si era esibita nella danza del ventre e una volta aveva rifiutato di fermarsi a dormire ad Arcore dietro un compenso di 5mila euro.

Non solo. Sempre secondo i giudici, la giovane modella aveva incontrato Silvio Berlusconi almeno altre due volte al di fuori di quelle serate, una volta il 29 agosto 2010 in un ristorante di Milano e una volta, nel settembre dello stesso anno, a Lesa sul lago Maggiore.

Imane Fadil aveva testimoniato più volte ed aveva fornito molti dettagli a cui era stato trovato riscontro:

La credibilità di Fadil è riscontrata dalla descrizione precisa e dettagliata del diverso contenuto delle serate a cui ha preso parte. La teste ha indicato con estrema precisione le diverse attività compiute nelle diverse serate, tutte puntualmente collocate temporalmente. Inoltre anche lei ha riferito, in alcune di esse, lo svolgimento dell’attività prostitutiva secondo il cosiddetto format trifasico, descrivendolo in modo identico alle altre testimoni già citate che non conosceva. Ulteriormente plurimi e puntuali riscontri al contenuto delle sue dichiarazioni che derivano da intercettazioni telefoniche. La pluralità e la precisione di tali riscontri esclude qualsiasi dubbio in ordine alla credibilità di quanto narrato da Fadil.

Le indagini e gli accertamenti delle autorità competenti proseguono.

silvio berlusconi


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin