non bisogna essere prigionieri del presente, vorrei si ragionasse in termini di decenni


Mattarella: non bisogna essere prigionieri del presente, vorrei si ragionasse in termini di decenni

Agf


Sergio Mattarella




Non bisogna essere prigionieri del presente ma saper guardare al futuro, ragionando “in termini di decenni”: è l’appello lanciato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo saluto all’inaugurazione dell’anno accademico dello Iulm di Milano. “Non aspiro che il nostro Paese ragioni in termini di secoli, sarebbe ampiamente sufficiente e sarei pienamente soddisfatto se ragionasse in termini di decenni”, ha detto il Capo dello Stato. 

“L’amore per la cultura è amore per sé stessi, amore per il futuro, il proprio e quello comune”, ha detto Mattarella. Il presidente ha sottolineato la necessità di saper “affrontare gli eventi, gli imprevisti, le nuove sponde, i nuovi traguardi, le condizioni che si creano di volta in volta sempre nuove. È questo che contrassegna l’esigenza che tutti avvertiamo, questa capacità di guardare al futuro, di non essere prigionieri catturati dal presente, condizionati dal contingente”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin