Nganang, una voce contro il colonialismo



Non occorre essere assidui frequentatori di letterature africane per ricordare il nome di Patrice Nganang, romanziere, poeta e saggista camerunense che lo scorso anno fu arrestato a Yaoundé per aver criticato il presidente dittatore del Camerun Paul Biya (da 36 anni al potere, sostenitore della fazione francofona del paese e intransigente con quella anglofona, che richiede maggiori autonomie). NELL’EPOCA DEI SOCIAL, l’opinione pubblica internazionale si mobilitò allora rapidamente per la sua liberazione e, dopo tre settimane di detenzione, lo scrittore … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin