Nella letteratura l’inconscio a cielo aperto, nella psiche i procedimenti della narrativa



«Tanto la follia quanto la letteratura giocano con i segni, quei segni che si prendono gioco di noi». È con queste parole di Michel Foucault che Giancarlo Alfano e Carmelo Colangelo indicano, verso la fine della loro esauriente e nitida indagine, il terreno comune alle due discipline, che convocano a dialogo nel loro libro Il testo del desiderio Letteratura e psicoanalisi (Carocci, pp. 230, euro  19,00). L’ipotesi foucaultiana è duplice: sostiene anzitutto che i segni non obbediscono alle nostre intenzioni, … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin