Nei linguaggi oscuri della musica


A testimonianza della centralità dei vari linguaggi nell’immaginario di Jim Jarmush, tant’è che sarebbe difficile contemplare anche solo gli ultimi suoi film a prescindere dalla letteratura (ad esempio Blake, l’imagismo, Eliot, ecc.) e dalla musica (dal blues all’ambient, al noise), esce ora il suo terzo disco con Josef Van Wissem, se si esclude l’album per la colonna sonora di Only Lovers Left Alive, in cui il liutista olandese aveva comunque una certa preminenza accanto agli SQÜRL, la band di Jarmusch … Continua

L’articolo Nei linguaggi oscuri della musica proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin