Mudhoney o della libertà del rock



Un Robin Hood moderno: pensoso, dannato, non simpatico, poco affabile, mai snob però. Sul palco Mark Arm è un tipo strano, non dà molta confidenza, dice due parole due. Con tanto distacco tratta il pubblico italiano accorso al concerto romano. Pochi convenevoli, molta sostanza. Nella vita vera invece deve essere scrupoloso, razionale, deve ricordare numeri e cifre: fa il magazziniere per la Sub Pop. Già, proprio quella storica etichetta, una volta davvero tanto indipendente, che segnò il grunge di Seattle, … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin