Migranti: Ismu, 23 mila sbarchi in Italia nel 2018, -80%



Il drastico rallentamento degli sbarchi, che prosegue dall’estate del 2017, ha determinato nel 2018 il più basso numero di migranti giunti in modo non autorizzato sulle coste italiane. Secondo le elaborazioni Ismu, su dati del ministero dell’Interno, nel 2018 appena concluso sono stati infatti poco più di 23 mila i migranti sbarcati in Italia, l’80% in meno rispetto all’anno 2017 quando erano stati 119 mila. Il dato, inferiore anche a quello registrato nel 2013, modifica lo scenario dopo quattro anni di arrivi a sei cifre (tra i 120 e i 180 mila dal 2014 al 2017). Tra i cambiamenti anche le nazionalità degli sbarcati: per un terzo i migranti provengono da Tunisia (oltre 5 mila persone) e da Eritrea (3.300), al terzo posto gli iracheni con 1.744 sbarcati. Sebbene la Libia sia ancora il principale paese di partenza dal continente africano, e’ diminuito sensibilmente il suo peso percentuale in favore di altre zone tra cui in particolare la Tunisia: nel 2018 e’ partito dalla Libia il 54% dei migranti giunti in Italia via mare, mentre l’anno precedente la percentuale era del 90%.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin