Mafia nigeriana nel Cara di Mineo: 19 fermi


cara mineo mafia nigeriana

La polizia ha sgominato effettuando 19 fermi una banda di spacciatori nigeriani che operava in diverse zone d’Italia, ma aveva una propria base all’interno centro di accoglienza del Cara di Mineo. Si tratta di una “cellula” nota sia come “Viking” sia come “Supreme Vikings confraternity” ed operava con il metodo mafioso per gestire il traffico di cocaina e marijuana. Ad emettere i provvedimenti è stata la Procura distrettuale antimafia di Catania, che nei confronti dei fermati ipotizza a vario titolo i reati di associazione mafiosa, traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope e violenza sessuale aggravata.

Durante le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania sono stati intercettati anche dei rituali tramite i quali i sodali esprimevano la propria fedeltà all’organizzazione. Ricostruita inoltre la struttura del sodalizio e i ruoli: i componenti della banda imponevano il controllo del traffico di stupefacenti sul territorio e si scontravano anche con bande rivali allo scopo di mantenere il predominio all’interno delle comunità straniere dentro il Cara di Mineo tramite i metodi tipici delle associazioni mafiose.

Salvini: “Cara di Mineo chiuso entro l’anno”

Non si è fatto attendere il commento di Matteo Salvini sulla vicenda. Il ministro dell’Inter e vicepremier del governo Conte, ha dichiarato ospite di RTL: “Grazie alle Forze dell’Ordine e alla magistratura! Da parte mia, ribadisco l’impegno per continuare a ridurre gli ospiti nel Cara di Mineo e in tutti gli altri grandi centri, con l’obiettivo di svuotarli completamente”. Il leader della Lega ha anche fornito alcuni dati del ministero in merito alle presente a Mineo: il 25 gennaio del 2018 erano presenti 2.585 migranti, mentre allo stesso giorno del 2019 ne risultano 1.357.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin