Madagascar, i trafficanti di vaniglia



Il Centre National de Recherche sur l’Environnement (Cnre) di Antananarivo ha recentemente dimostrato che in alcuni territori del Madagascar «una quantità importante di superficie a copertura forestale (60%) è stata convertita in zone agricole». Gli abitanti spesso utilizzano la pratica sur brûlis per poter coltivare: abbattendo e bruciando parti di vegetazione incolta è quindi possibile rendere il terreno più fertile. Secondo diverse fonti inoltre la popolazione malgascia sarebbe in forte crescita all’interno di alcune zone rurali, in cui vi è … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin