L’Ucraina ha negato l’ingresso al corrispondente Rai da Mosca


ucraina nega ingresso marc innaro rai



Il corrispondente della Rai a Mosca, Marc Innaro, è stato respinto alla frontiera ucraina. Innaro era arrivato all’aeroporto di Kiev da Minsk (non ci sono voli diretti tra Russia e Ucraina dal 2015, dopo lo scoppio del conflitto in Donbass e l’avvio di una serie di sanzioni reciproche) per coprire le elezioni presidenziali ucraine, previste per domenica prossima. Dopo essere stato trattenuto dai servizi di frontiera è stato reimbarcato per Minsk, insieme al suo operatore russo.

All’agenzia Ria Novosti, Innaro ha spiegato che il suo accredito per seguire il voto era già pronto e questa mattina avrebbe dovuto ritirarlo presso la Commissione elettorale centrale. All’aeroporto di Kiev, però, le guardie di frontiera gli hanno rifiutato l’ingresso motivandolo con “insufficiente fondatezza dello scopo del soggiorno”. “Come se, da giornalista, dovessi dare una giustificazione per quello che faccio”, ha commentato Innaro, “mi hanno detto che la decisione è inappellabile. Si tratta di un autogol”.

A detta del corrispondente Rai, il motivo del divieto può essere solo il fatto che vive a Mosca. Da ricordare che tra le ragioni per cui Kiev puo’ rifiutare l’ingresso in Ucraina vi è l’aver viaggiato in Crimea, la penisola annessa da Mosca nel 2014, dopo un referendum popolare non riconosciuto dalla comunità internazionale; la Crimea è ritenuta oggi dall’Ucraina un territorio occupato e per questo recarvisi direttamente dalla Russia, senza cioè attraversare fisicamente la frontiera ucraina, è considerato una “violazione dell’integrità territoriale” del Paese.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin