L’opera della rivolta tra intima fragilità e orrori del Novecento



L’inaugurazione della stagione del Teatro alla Scala di Milano arriva come ogni anno puntuale a ricordarci che abbiamo bisogno di riti collettivi. In una cultura come quella popolare italiana, storicamente «conformista, colonialista, razzista, schiavista, qualunquista» (è Pasolini a dircelo), dimenticati il saturnale pagano e il carnevale cristiano (ridotto a una festa per bambini), eccezion fatta per le partite di calcio e i social network, non ci sono più cerimonie aggreganti dove le componenti della società (le classi, i poteri, gli … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin