“L’omicida merita galera fino alla fine dei suoi giorni”


Di Maio: “Questo omicidio non ha colpito solo due servitori dello Stato, ma l’intero Stato”.

L’uccisione del maresciallo dei Carabinieri Vincenzo Carlo Di Gennaro avvenuta oggi a Cagnano Varano ha colpito tutta Italia e ovviamente i massimi rappresentanti dello Stato ne hanno parlato. Tra i primi, proprio il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che nel momento in cui avveniva il dramma era a Bari, per l’inaugurazione dell’anno accademico del Politecnico. Il Premier ha interrotto la cerimonia per dire:

“È un giorno triste perché poco fa a Cagnano Varano, nel mio Gargano, il maresciallo maggiore Vincenzo Carlo di Gennaro, ferito in servizio, è deceduto poco fa. Il doveroso riconoscimento alla memoria del maresciallo deve essere di incitamento ad avere rispetto nelle Istituzioni. La mia più grande aspirazione è contribuire affinché tutti i cittadini recuperino la massima fiducia nelle Istituzioni”

Il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini sui social, appena appresa la notizia, ha scritto:

“Colpito a morte durante il servizio in provincia di Foggia. Una preghiera per Vincenzo, un abbraccio commosso alla sua famiglia, ai suoi colleghi e all’intera Arma dei Carabinieri. Il mio impegno perché l’assassino non esca più di galera e perché le Forze dell’Ordine lavorino sempre più sicure, protette e rispettate”

Poi più tardi, pubblicando la foto dell’arresto dell’omicida, ha aggiunto:

“Io sono contro la pena di morte, ma un infame che ammazza un uomo, un Carabiniere, che sta facendo il suo lavoro, non merita di uscire di galera fino alla fine dei suoi giorni”

L’altro vicepremier Luigi Di Maio ha commentato:

“Questa mattina durante un ordinario controllo, nella piazza principale di Cagnano Varano, un criminale ha estratto una pistola e ha sparato contro due nostri Carabinieri. Uno di loro, un maresciallo, è deceduto; l’altro è rimasto ferito ed è in ospedale. Il mio cordoglio, la mia vicinanza alla famiglia e ai cari dei due militari. Questo omicidio non ha colpito solo due servitori dello Stato, ma l’intero Stato. Chi tocca un Carabiniere tocca lo Stato, tocca ognuno di noi. Ora basta, ci sarà una reazione!”

La stessa cosa l’ha detta la ministra della Difesa Elisabetta Trenta:

“Quanto accaduto nella piazza principale di Cagnano Varano è inaccettabile. Un criminale ha sparato contro due nostri Carabinieri, due servitori dello Stato. Uno di loro è deceduto e l’altro è rimasto ferito. Il mio cordoglio alle famiglie, la mia vicinanza e il mio abbraccio. Deve essere chiaro: non ce ne staremo con le mani in mano. Bisogna rispondere e bisogna farlo con forza. Chi tocca un Carabiniere tocca lo Stato, tocca ognuno di noi. Il Paese intero è grato all’Arma. Io lo sono per prima!”

Le reazioni sono arrivate anche dalle opposizioni. Il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti ha scritto:

“Una notizia drammatica che ci riempie il cuore di dolore. Il maresciallo dei carabinieri Vincenzo Carlo Di Gennaro è morto mentre svolgeva il suo lavoro, colpito da uno sparo in un posto di blocco in provincia di Foggia. Ci stringiamo commossi ai suoi familiari e all’Arma dei Carabinieri nella loro lotta quotidiana per la sicurezza dei cittadini. Ora giustizia e impegno sempre più forte contro il crimine. Lo dobbiamo a Vincenzo Carlo Di Gennaro, alla sua famiglia, ai suoi colleghi carabinieri e a tutti gli italiani”


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin