L’Italia ha già esaurito le risorse naturali disponibili per il 2019


overshoot day risorse naturali italia

ABDULHAMID HOSBAS / ANADOLU AGENCY




Se la Terra fosse una casa con muri e soffitto, da oggi dispensa e frigorifero a disposizione dell’Italia per il 2019 sarebbero già completamente vuoti. E per una volta arrivare primi non è un vanto. Siamo solo al 15 maggio e il nostro Paese ha già raggiunto l’Overshoot Day – il giorno del sovrasfruttamento – cinque giorni dopo la media dei vicini europei ma due mesi e mezzo prima di quello ufficiale al livello planetario.

Il campanello d’allarme arriva dall’ultimo rapporto del Fondo Mondiale per la Natura (World Wide Fund for Nature, WWF) e del Global Footprint Network, pubblicato a meno di due settimane dalle elezioni europee. L’Overshoot Day della Terra intera si colloca di solito nel mese di agosto, ma nei fatti ogni anno arriva sempre prima. Nel 2019 quello della piccola Europa è arrivato ben prima, il 10 maggio, e oggi tocca proprio all’Italia.

Non è affatto una buona notizia per ciascuno di noi, ma soprattutto per il Pianeta blu. Vuol dire che lo Stivale ha già esaurito tutte le risorse naturali messe generosamente a disposizione da Madre Terra, ledendo così alla sua biocapacità, non consentendole di avere il tempo necessario per rigenerare gli ecosistemi.  

Che cos’è l’Overshoot Day e come si calcola

L’Overshoot Day si calcola confrontando l’impronta ecologica di ogni singolo cittadino – in questo caso italiano – con la biocapacità, cioè la capacità del Pianeta di rigenerare risorse naturali per ogni suo abitante. Secondo i ricercatori l’impronta ecologica “include le aree biologicamente produttive necessarie a produrre cibo, fibre e legname che la popolazione di quel paese consuma, ad assorbire i materiali di scarto – come le emissioni di CO2 – prodotti per generare l’energia che un Paese utilizza e a sostentare le infrastrutture che il paese realizza”.

Il nostro Pianeta è in grado solo in parte di rinnovare ciò che continuamente gli chiediamo: campi per coltivare cibo e fibre, nutrire gli animali, produrre oli e carburanti; foreste da cui ricavare legname e che sequestrino CO2; pascoli per allevare e produrre carni, latte, pelli e lana; pesci che già peschiamo oltre il consentito, suolo che occupiamo con nuove infrastrutture.

overshoot day risorse naturali italia

Sono tutte risorse alle quali ogni giorno italiani – e tutti gli altri abitanti del Pianeta – attingono a piene mani per svolgere tutte le attività necessarie alla loro sopravvivenza, dalla produzione di cibo fino alla costruzione di case ed infrastrutture. 

Se i ritmi di consumo degli italiani fossero quelli di tutti gli abitanti del pianeta, avremmo bisogno di 2,72 Terre per soddisfare tutte le nostre richieste. Molto di più del debito che già l’umanità intera sta accumulando, spendendo risorse che non ha, pari alle ricchezze naturali di 1,7 Terre, e che il pianeta non è più in grado di rigenerare.

Chi prima chi poi, ma l’Europa è un cattivo alunno

In base al rapporto WWF- Global Footprint Network, il vecchio continente che ospita appena il 7% della popolazione, sfrutta da solo il 20% della biocapacità terrestre. Dal 1961 al 2016 l’impronta ecologica dei Paesi membri dell’Ue è cresciuta, passando da 1,6 a 2,3 ettari globali (gha). L’impronta ecologica media del singolo residente in Europa è invece diminuita negli ultimi anni, dopo un picco nel 2007, in gran parte a causa della crisi economica.

In ciascun paese Ue, Italia compresa, la voce più costosa nella bolletta dell’impronta ecologica è quella delle emissioni di CO2, seguita dal fabbisogno di suolo e legname della foreste e dalla richiesta di terre da coltivare.

Globalmente il vecchio continente è un cattivo alunno, ma il meno virtuoso tra i 28 è il piccolo e ricco Lussemburgo, che ha consumato le sue risorse a disposizione dopo soli 46 giorni dall’inizio del 2019, esaurite lo scorso 16 febbraio. La Bulgaria è invece la nazione più parsimoniosa, che avrà risorse a sufficienza fino al 22 giugno.

Per l’Italia l’Overshoot Day è proprio oggi, così come dai vicini francesi e in Polonia.

Italiani, popolo di spreconi

In base al rapporto WWF-Global Footprint Network l’impronta ecologica di ogni italiano – l’area necessaria a provvedere a ciò che ciascuno di noi consuma – è di 4,4 ettari globali (gha) mentre la biocapacità che esiste realmente in Italia per ogni cittadino è di 0,9 gha. Nel 2019 ogni abitante dell’Italia sarà quindi in deficit con la Terra di 3,5 gha. Ancora una volta l’Italia fa peggio di altri paesi del Mediterraneo, quali Spagna, Grecia e Portogallo, che raggiungeranno la fatidica scadenza rispettivamente il 28, il 20 e il 26 maggio.

Storicamente la principale incidenza del debito accumulato dagli italiani col Pianeta riguarda il settore dei trasporti e la produzione di cibo, con un consumo troppo elevato di energia, acqua, terreni e foreste. 

Tutte le grandi potenze mettono a rischio la biocapacità

Se l’Europa fosse un unico paese, occuperebbe il terzo posto di questa classifica di cui non c’è da andare fieri. Insieme Cina, Stati Uniti, India, Russia e Brasile hanno la maggiore impronta ecologica del mondo. La Cina ha una impronta ecologica complessiva due volte più alta di quella di Europa e Stati Uniti, ma riportata ai suoi singoli cittadini è in realtà molto più bassa, essendo una nazione molto più popolosa. 

Per le sue foreste, il Brasile ha una delle più alte riserve di biocapacità del Pianeta, ma viene sempre più erosa a causa dalla crescente deforestazione dell’Amazzonia, primo polmone verde del Pianeta, in risposta all’aumento della domanda interne di risorse e sempre meno tutelata dal governo del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

overshoot day risorse naturali italia

 (Afp)

 Greta Thunberg

L’appello #MoveTheDate

Gli autori del rapporto allarmista invitano i singoli cittadini ad un uso più parsimonioso delle risorse naturali utilizzate quotidianamente per riuscire nel 2020 a spostare più in là la fatidica scadenza l’Overshoot Day, lanciando la parola d’ordine sui social #MoveTheDate. Un invito ad agire singolarmente e collettivamente per allontanare la data del “tutto esaurito” della Terra. Una parola d’ordine che sarà sicuramente rilanciata dalla giovane attivista svedese per il clima, Greta Thunberg, e dai milioni di giovani che ai quattro angoli del pianeta aderiscono ai suoi ‘Fridays For Future’. A cominciare, speriamo, da quelli italiani, uno dei gruppi più numerosi e attivi sulla scia di Greta. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin