L’Isis ha ucciso l’italiano che combatteva con i curdi


Lorenzo Orsetti ucciso Isis



È stato ucciso Lorenzo Orsetti, il volontario fiorentino che si era unito alle milizie curde in lotta contro il Califfato in Siria. L’Isis ha annunciato di averlo ucciso durante la battaglia a Baghuz, l’ultima sacca di resistenza del sedicente Stato islamico. I canali Telegram del califfato hanno diffuso le foto del ragazzo senza vita, in uniforme militare, e una foto della sua tessera sanitaria e di una carta di credito. Orsetti aveva combattuto con le milizie curdo-siriane Ypg (nome di battaglia ‘Tekoer’ ad Afrin), nel nord della Siria.

Orsetti era stato intervistato dal blog ‘Gli occhi della guerra’, ospitato da Il Giornale, lo scorso febbraio, una conversazione nella quale aveva commentato le misure di sorveglianza speciale della Digos nei confronti di altri cinque volontari italiani rientrati dalla Siria dopo aver combattuto con l’Ypg, definendole “profondamente ingiuste”. 

“Questa è una battaglia di civiltà”

“Alcuni di questi compagni non avevano nemmeno imbracciato le armi. In Italia sono legati al movimento No Tav, ma questo non li trasforma in terroristi a prescindere”, aveva spiegato, “al momento non prevedo di rientrare, ma se dovessero accusarmi di qualcosa rispondo che sono fiero di quello che sto facendo in Siria. Sono pronto ad assumermi le eventuali conseguenze”. “Lo Stato islamico è un male assoluto. Questa è una battaglia di civiltà”, aveva aggiunto, ricordando come “la Turchia continua ad appoggiare le frange estremiste ed è una minaccia per l’intero Medio Oriente”. Le truppe di Ankara nei mesi scorsi hanno infatti attaccato più volte le postazioni dei miliziani curdi definiti “terroristi”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin