Lilli Gruber, Matteo Salvini e i fiori mai arrivati


Salvini ospite della ‘fastidiosa’ Gruber due volte in un mese: cosa non si fa per la campagna elettorale…

“Se tutte le sue promesse elettorali sono come i mazzi di fiori che doveva mandare a me, i suoi elettori non sono messi molto bene”

Lilli Gruber non perdona e tocca chiudendo la seconda puntata della sua personale saga con Matteo Salvini, ospite del suo Otto e mezzo due volte in un mese, richiamandolo agli obblighi presi e non mantenuti. Il loro ‘primo incontro’, avvenuto lo scorso 8 maggio, era stato preceduto – e seguito – da attacchi non molto carini da parte del vicepremier che in diretta aveva però promesso di scusarsi con la giornalista inviandole quanto prima dei fiori.

I fiori, però, non sono arrivati e la Gruber non abbozza. Dopo aver ribattuto con precisione, ‘avvolta’ nella sua sfolgorante giacca rossa, a ogni slancio elettorale del Vicepremier, Lilli chiude la densa mezz’oretta di botta e risposta ricordando a Salvini la promessa non mantenuta.

“Mi perdoni! Le faccio arrivare anche dei cioccolatini. Abbia pietà delle mie mancanze da maschietto”

replica un sorridente Vicepremier, che tira fuori anche un santino di Padre Pio ricevuto in dono oggi – mossa che spinge Marianna Aprile a ricordargli che il ‘primato’ su Pietralcina è del premier Giuseppe Conte, per tempo e provenienza geografica.

Salvini, intanto, ha intensificato le sue missioni di piazza, tra incontri istituzionali – preferibilmente nei luoghi dei previsti comizi elettorali – e le sue ospitate tv a 24 ore dalla chiusura della campagna per le Europee. Una no-stop che corrobora la posizione di chi vede nel Ministro dell’Interno un ‘globetrotter’ da campagna elettorale, un maestro del ‘vagabondaggio’ da comizio.

Va anche detto che gli ultimi giorni di campagna offrono il meglio televisivamente parlando, con tutti i principali leader a rotazione in tutte le principali trasmissioni tv, da UnoMattina a Matrix, passando per Porta a Porta e Pomeriggio Cinque. Due chicche sono sicuramente gli speciali di Bersaglio Mobile, con Mentana caldissimo in vista della “madre di tutte le maratone” di domenica sera, ma anche l’access prime time della Gruber offre sempre più momenti speciali. Una ‘maratona Lilli’, intesa come una collection delle sue migliori interviste elettorali, sarebbe un contenuto interessante da proporre per gli amanti del genere ‘politics’: nel best of inserirei senza dubbio anche quella con Nicola Zingaretti che ha visto un Sallusti in grande spolvero. In attesa del ‘cofanetto’ di Otto e Mezzo, potete rivedere la puntata di stasera sul sito di La7, mentre ci avviamo alla fine di questa lunghissima campagna elettorale. E chissà che a breve non arrivi una terza puntata di questa nuova saga di ‘Lilli e il vagabondo’.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin