L’idioma jazz di Vijay Iyer e Craig Taborn


Nel brano dedicato a Muhal Richard Abrams, Clear Monolith, si ascolta all’inizio un episodio puntillista più cageano (tipo Etudes Australes) che weberniano. Che bella questa rivitalizzazione dell’avanguardia attraverso la colloquialità, che è fondativa del jazz insieme alla ricerca. Niente orpelli, niente scalette decorative, quasi sempre uggiose. Invece ci sono arpeggi graziosi e scalette funzionali/riflessive. Nonchalance, leggerezza, maestria esecutiva. Non manca la vera improvvisazione nel solco del jazz moderno, da Hancock a Tristano. Non c’è particolare originalità dei fraseggi ma cura … Continua

L’articolo L’idioma jazz di Vijay Iyer e Craig Taborn proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin