Leonardo Da Vinci era ambidestro, lo conferma uno studio


Leonardo ambidestro



Leonardo da Vinci era ambidestro e poteva scrivere e disegnare con entrambe le mani: una delle leggende intorno al genio toscano ha trovato ora conferma scientifica da una serie di ricerche all’avanguardia compiute dall’Opificio delle Pietre dure di Firenze sul “Paesaggio 8P”, uno dei primi disegni noti di Leonardo e il primo da lui stesso firmato e datato il 5 agosto 1473.

Sul foglio, oltre al paesaggio, sono presenti numerosi disegni e tratti, tra cui due scritte che in originale recitano: una tracciata da destra verso sinistra sul fronte “Di’ di s[an]ta Maria della neve / addj 5 daghossto 1473”, e l’altra in andamento normale, sul retro, che riporta “Io, Morando d’Antoni, sono chontento”, parte di una formula contrattuale.

Due scritte evidentemente “fatte dalla stessa persona, con lo stesso inchiostro e quindi in due momenti vicini fra loro”, come ha spiegato la storica dell’arte dell’Opificio delle Pietre Dure, Cecilia Frosini, che con Letizia Montalbano ha curato lo studio. “Leonardo sceglieva quando servirsi di una scrittura rispetto all’altra”, ha detto ancora Frosini, sottolineando che in un primo momento la scrittura speculare aveva maggior cura, divenendo più semplice successivamente quando Leonardo iniziò ad utilizzarla prevalentemente.

“Il Paesaggio 8P – hanno spiegato le studiose – è un vero manuale di tecniche grafiche”, su cui Leonardo è intervenuto più volte, utilizzando uno stilo a piombo, una sorta di lapis ante litteram, inchiostro e anche il “nerofumo, probabilmente in forma di pastello – ha aggiunto Frosini – una tecnica che si pensava successiva”. Sul foglio, di cui è stata conservata una parte, lo studio ha evidenziato la presenza di due paesaggi visibili e due coperti dai disegni successivi.

Le ricerche sul disegno sono state condotte con tecniche molto avanzate insieme all’Istituto Nazionale di Ottica e l’Istituto di Fisica applicata del Centro Nazionale ricerche (Cnr) e l’Istituto di Fisica nucleare di Firenze. “Dallo studio sul disegno 8P – ha affermato il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt – arriva un arricchimento sulla conoscenza di Leonardo proprio in occasione dei 500 anni dalla morte. In occasione del suo compleanno, lunedì prossimo, il disegno sarà mostrato al mondo portandolo a Vinci, per la prima volta dopo cinque secoli, dove resterà in mostra per cinque settimane”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin