L’elettrocardiografo da polso funziona? – Corriere.it


Pu un orologio contribuire a individuare una delle patologie cardiache meno facili da intercettare in anticipo e limitare cos il rischio di ictus in migliaia di soggetti? Le premesse sono interessanti e partono dalle nuove funzioni che Apple ha appena attivato in Italia sugli Apple Watch, gli orologi smart della Mela. Sui modelli pi recenti (Watch Series 4) ora possibile effettuare un elettrocardiogramma direttamente al polso e lo smartwatch in grado di inviare avvisi che segnalano un potenziale caso di fibrillazione atriale, un’aritmia cardiaca molto diffusa.

Fibrillazione atriale: che cos’è e quali pericoli (reali) comporta


«Sentire» il ritmo


Sintomi sfumati

Ne vengono accertati tra i 300 e i 500 mila nuovi casi in Italia ogni anno. Sopra i 75 anni ne affetto il 6-8% della popolazione spiega il professor Claudio Tondo, coordinatore dell’Area Aritmologia al Centro Cardiologico Monzino di Milano. Circa un ictus su quattro causato dalla fibrillazione atriale e questa patologia, in soggetti predisposti, pu anche portare all’insufficienza cardiaca. I numeri reali della fibrillazione atriale sono per probabilmente pi alti di quelli accertati perch uno dei problemi principali sta nella difficolt di riconoscere e individuare i sintomi. Ci sono pazienti che non si accorgono dell’aritmia, che non sempre si manifesta con il cosiddetto “cardiopalmo” sottolinea lo specialista. Ci sono anche sintomi pi sfumati come stanchezza, incapacit di concentrazione o una pi generica assenza di pieno benessere. Le indicazioni della Societ europea di Cardiologia vanno proprio nella direzione di insegnare ai soggetti a rischio, e pi in generale agli over 65, come palparsi il polso per sapere quali sono le condizioni normali e quando invece non sono regolari. Soluzioni come quella dell’Apple Watch o di altri strumenti con capacit analoghe come per esempio Qardio Core (un monitor Ecg da indossare sul torace) continua Tondo, possono aiutare coinvolgendo nella diagnosi precoce tutti i soggetti e non solo la classe medica. Una difficolt tipica nell’identificare la fibrillazione atriale che spesso, dopo presunti sintomi, si va dal medico per un Ecg, ma si ottiene una striscia di registrazione di 10-15 secondi nei quali magari tutto a posto. E poi dopo mezzora ritorna l’aritmia, spiega ancora Tondo.

Facile da usare

L’azienda fondata da Steve Jobs ha investito molto sulle funzioni legate alla salute del suo orologio, che stato riconosciuto come dispositivo medicale prima dalle autorit statunitensi e ora da quelle europee. Solo dopo questi passaggi le app su aritmia e Ecg sono state rese disponibili, prima oltreoceano e ora anche da noi. Il funzionamento del software per l’Ecg molto semplice. Basta lanciare l’app e l’Apple Watch chiede di appoggiare il dito sulla corona digitale (la rotella sulla destra dell’orologio). In questo modo, sfruttando i sensori che si trovano sul retro del dispositivo a contatto con la pelle, viene chiuso il circuito e vengono rilevati gli impulsi elettrici del cuore. Dopo alcune di decine di secondi l’Ecg (che a una derivazione, mentre quello che si effettua in uno studio medico ha 12 derivazioni e sfrutta 10 elettrodi) completato e pu essere inviato sotto forma di documento Pdf a un medico di fiducia. L’approccio dell’azienda di Cupertino non va infatti nella direzione dell’autodiagnosi ma punta sempre al coinvolgimento dei professionisti di riferimento.

Falsi positivi

Avremmo potuto rilasciare prima la funzione Ecg ma abbiamo voluto assicurarci che non ci fossero molti falsi positivi, che la comunit medica fosse pronta ad accoglierla — ci ha raccontato a Cupertino Jeff Williams, il Chief Operating Officer di Apple e vice-presidente che segue lo sviluppo del Watch —. Arriviamo in Italia dopo molte ricerche e vogliamo continuare a lavorare a stretto contatto con i vostri medici. solo l’inizio di un percorso. Vogliamo assicurarci che queste nuove funzioni siano utili al singolo ma anche alla comunit medica, perch gi sovraccarica e l’ultima cosa di cui ha bisogno un mucchio di dispositivi che le trasmettano informazioni, se questo non avviene in modo molto curato e meditato. E Sumbul Desai, medico, ex direttore del laboratorio per la Salute Digitale alla Stanford Medical School e ora responsabile del settore Salute di Apple, ha aggiunto: Anche nelle notifiche per la fibrillazione atriale in realt si riceve un avviso solo se vengono rilevati cinque episodi di qualcosa che sembra un battito irregolare. L’intero design del prodotto stato realizzato tenendo presente l’obiettivo di evitare falsi positivi e aspetti che possano essere un peso per chi fornisce assistenza sanitaria.

Futuro prossimo

In collaborazione con l’Universit di Stanford, Apple ha condotto uno studio su quasi 420 mila volontari che indossavano l’Apple Watch. Lo 0,5%, circa 2100 soggetti, ha ricevuto un avviso di possibile fibrillazione atriale. Sono stati visitati in telemedicina da specialisti ed stato inviato loro un dispositivo da indossare sul petto per effettuare un Ecg: in un terzo di loro si manifestato un altro episodio di aritmia cardiaca e l’Apple Watch riuscito a confermare la diagnosi nell’84% dei casi. Il mondo sar basato su questo tipo di dispositivi — conclude Tondo —, sistemi di monitoraggio a distanza che oggi vanno ancora affinati ma che vanno visti positivamente nella misura in cui permettono di creare consapevolezza nei pazienti, identificare un problema e mettere in atto terapie corrette.

3 aprile 2019 (modifica il 3 aprile 2019 | 09:41)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin