Lega e M5S fanno cancellare insegne in arabo in Ausl e ospedali


imola scritte arabo

Addio alle scritte tradotte in arabo sulla segnaletica negli spazi dell’Ausl e degli ospedali: lo ha deciso il consiglio comunale di Imola, la cui maggioranza del Movimento 5 Stelle ha emendato e votato un ordine del giorno della Lega, astenuto il Partito Democratico. Come riferisce il quotidiano “Il Resto del Carlino”, già da tempo l’azienda sanitaria locale ha deciso di eliminare la lingua araba in favore di italiano ed inglese nella segnaletica, ma ora sulla vicenda è intervenuto direttamente anche il consiglio comunale. Nel testo proposto dalla Lega e approvato con i voti della maggioranza penta stellata, si legge che “non è certo la lingua araba ad agevole i fruitori degli spazi” e “nemmeno li aiuta a integrarsi”.

Insomma, anche i pazienti arabi sarebbero in grado di muoversi tra gli spazi di aziende sanitarie e ospedali senza indicazioni nella loro lingua. Il promotore dell’ordine del giorno è il leghista Daniele Marchetti, che da consigliere regionale aveva già intrapreso iniziativa identica nell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna. “Molte volte – dichiara il consigliere del Carroccio – si tende a mettere in campo azioni per le quali sembra quasi che sia il cittadino a doversi adeguare a lingue e culture straniere, mentre per noi integrazione significa il contrario”.

Imola: il M5S perde l’assessora Dhimgjini

Intanto, però, la giunta guidata dal sindaco Manuela Sangiorgi, che ha strappato la città di Imola al Partito Democratico, perde i pezzi: Ina Dhimgjini ha lasciato il suo incarico di assessora ufficialmente perché “le si è presentata un’opportunità professionale importante”. Non solo a livello nazionale, dunque, anche localmente sembra che il Movimento guidato da Luigi Di Maio faccia fatica a serrare i ranghi.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin