Le sfortune dei diabetici: per loro aumenta anche il rischio di cancro


La notizia nuda e cruda questa: chi soffre di diabete ha un rischio maggiore di sviluppare un tumore. Non solo: nel caso gli venga diagnosticata questa malattia, avrebbe minori possibilit di sopravvivenza rispetto a chi non ne soffre. Gli esperti diabetologi, riuniti a Berlino per il congresso della European Association for the Study of Diabetes (Easd), non vogliono fare terrorismo, ma prendono atto dei dati emersi da uno studio che ha confrontato le cartelle cliniche di oltre 450mila persone con diabete di tipo 2 (quello che colpisce persone non pi giovani) con quelle di due milioni di persone sane. 

Pi mortalit

Ecco qualche numero, fra quelli presentati al congresso da Hulda Hrund Bjornsdottir dello Swedish National Diabetes Register (il Registro da cui sono stati ricavati i dati). Per quanto riguarda le neoplasie pi comuni, i diabetici hanno un 20 per cento in pi di rischio di ammalarsi di un cancro colon-rettale e un 5 per cento in pi per il tumore al seno rispetto alle loro “controparti” (questi dati sono stati aggiustati per diverse variabili, come il sesso, l’et, il livello socio-economico e via dicendo, per renderli omogenei). E se incappano in quest’ultimo (il tumore al seno) oppure in una neoplasia della prostata hanno, rispettivamente, il 25 e il 29 per cento di probabilit in pi di morire rispetto ai non diabetici.

I 9 sintomi del diabete che forse non conosci


Le caratteristiche del diabete


Tumore al fegato

Ma quali sono i tumori che hanno pi probabilit di manifestarsi nei diabetici? Secondo questa ricerca il tumore al fegato quello pi frequente, poi quello del pancreas, dell’utero, del pene, del rene, della colecisti e dei dotti biliari, dello stomaco e della vescica. E per quanto riguarda la mortalit, corre un rischio maggiore chi ha un cancro alla prostata, al seno o al colon. In altre parole: hanno pi probabilit di morire. Ma attenzione – commenta Bjiornsdottir -: questi numeri non significano che chi soffre di diabete vada necessariamente incontro a un cancro. solo un avvertimento. Il problema, per, non pu essere ignorato, soprattutto per il cancro al pancreas e al polmone che sono, appunto, in aumento in questi pazienti. Cancro e diabete riconoscono alcuni fattori di rischio in comune, compresa l’obesit – conclude Bjiornsdottir -, che possono contribuire allo sviluppo di entrambe le malattie.

Ecco perché i chili di troppo fanno venire il cancro


Chi è sovrappeso rischia tumori più aggressivi e difficili da curare


Diabetici normopeso

L’obesit appunto. Ma non detto che sia sempre colpevole. Difatti, un altro studio, presentato a Berlino, conferma come i diabetici sovrappeso o obesi ( vero), ma anche i normopeso (ahim) hanno pi probabilit di morire per cancro rispetto a chi non soffre della malattia. I dati questa volta arrivano da uno studio di ricercatori inglesi dell’University of Manchester (condotto su 177mila diabetici e 853mila controlli). Il nostro studio dimostra che l’obesit contribuisce all’aumento del rischio di mortalit per cancro nei diabetici – ha commentato Nasra Alam, una degli autori della ricerca -. Ma questo succede anche nei non diabetici. Perch?. Ecco quindi che la ricerca non si deve arrestare, con l’obiettivo di migliorare sempre di pi la qualit della vita e la sopravvivenza di chi soffre di diabete. 

Epidemia diabetica

Ma perch tutta questa attenzione per i diabetici e per le patologie correlate? Perch il diabete sta diventando una vera e propria epidemia mondiale. Ecco due o tre numeri, che ci arrivano dalle ultime statistiche presentate a Berlino. Attualmente pi di 415 milioni di persone vivono con questa malattia nel mondo (il che significa una persona su undici fra la popolazione adulta). E questo numero destinato ad aumentare fino a 642 milioni nel 2040. Chi sa far di conto pu immaginare l’impatto di tutte le cifre citate in questo articolo.

3 ottobre 2018 (modifica il 3 ottobre 2018 | 14:26)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin