Le canzoni ‘pornografiche’ alla Ed Sheeran sono state bandite in Indonesia


indonesia canzoni pornografiche 

(Afp) 


Ed Sheeran




Canzoni di Ed Sheeran, Ariana Grande e decine di altri artisti occidentali bollate come “oscene, pornografiche e di incitamento alla pornografia” e messe al bando dalle autorità della provincia della Giava occidentale. Nella fattispecie, la locale commissione della radiodiffusione ha stilato un elenco di 85 brani, tra cui 17 canzoni pop occidentali, che potranno andare in onda solo dalle 22 alle 3 di notte per i loro contenuti ritenuti “offensivi” e destinati al solo pubblico adulto.

Dell’elenco fanno parte “Shape of You” di Ed Sheeran, “Love me Harder” di Ariana Grande e “That’s What I Like” di Bruno Mars che non saranno più diffuse in orari diurni nell’area di Giava Occidentale, situata nell’isola di Giava, la più meridionale tra le principali isole dell’arcipelago indonesiano, con una popolazione di ben 48 milioni di abitanti di confessione musulmana al 96,6%.

Nel memorandum diffuso dalla commissione, il dirigente Rahmat Arifin argomenta che “alcune delle parti del testo di queste canzone potrebbero far percepire che le donne sono da considerarsi oggetti sessuali”. L’elenco di canzoni bandite è stato presentato come una “linea guida” piuttosto che come una regolamentazione, ma le radio e tv che non rispetteranno il provvedimento saranno sanzionate.

Ed Sheeran, che non ha commentato il provvedimento, è atteso a Giacarta per un concerto il 3 maggio. In Indonesia, più grande nazione musulmana al mondo, è in vigore una legge nazionale sulla pornografia, ma all’occorrenza i governi locali emettono altri provvedimenti legislativi ispirati alla sharia.

Lo scorso ottobre, sempre nel West Java, alcuni collegi di reggenti hanno auspicato l’attuazione di politiche discriminatorie per combattere la “minaccia LGBT”, proponendo la segnalazione di omosessuali e uomini bisessuali alle autorità e di far modificare i curriculum delle persone LGBT.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin