“Le Br sconfitte dalla sobrietà e dall’unità del nostro popolo”


mattarella biagi br

Agf


Sergio Mattarella




“Le Brigate Rosse sono state sconfitte dalla sobrietà, dall’unità del nostro popolo”: lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando a Modena la figura di Marco Biagi, il giuslavorista ucciso dalle Br il 19 marzo 2002. “A noi – ha aggiunto il capo dello Stato – rimane il dovere della memoria di chi è rimasto vittima perché impersonava, interpretava, un ruolo di cucitura, di valorizzazione della coesione sociale”.

Aggiunge Mattarella: “Rappresentanze sociali e corpi intermedi sono realtà in cui i cittadini si riconoscono. La loro emarginazione e la loro attenuazione di ruolo rende più fragile la società ed espone maggiormente i cittadini ad essere vulnerabili rispetto alle incertezze, insicurezze, paure che inducono alla chiusura in se stessi. Vorrei sottolineare la grande importanza del ruolo della rappresentanza sociale e dei corpi intermedi – ha ricordato Mattarella – importanza che supera la pur fondamentale dimensione dell’ambito delle relazioni del lavoro perché riguarda, in realtà, anche la salute del tessuto democratico del nostro Paese”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin