L’associazione dei partigiani ha chiesto al M5s di fermare Salvini


L'associazione dei partigiani ha chiesto al M5s di fermare Salvini


Carla Nespolo, presidente dell’Associazione nazionale partigiani, lancia un appello al vicepremier Luigi Di Maio e agli eletti dei Cinque Stelle perché facciano sentire la propria voce sulla circolare con cui il Viminale ha disposto il trasferimento dei migranti accolti a Riace: “Non girate lo sguardo da un’altra parte. Fermate Salvini – è l’invito -. Almeno per decenza, in una terra bella e difficile come la Calabria, ricordategli che e’ utile perseguire mafia e ndrangheta. Non un uomo onesto come Mimmo Lucano, cui esprimiamo fraterna solidarietà e vicinanza”.

Per l’Anpi “con l’ipotizzato spostamento di 200 migranti, il Ministro dell’interno Salvini consuma un ulteriore atto di violenza e vendetta nei confronti dell’esperienza di riuscita ed esemplare integrazione, attuata nel Comune di Riace. L’intenzione, dopo l’assurdo arresto del Sindaco, è quella di mettere la parola fine a questa esperienza. L’indignazione è grande, ma dobbiamo prima di tutto chiederci: perché questo avviene? Perché il Ministro dell’Interno, o riesce a cancellare Riace o la sua teoria immigrazione=delinquenza viene smentita. Ma il ministro Salvini dimentica una cosa: Riace c’è già stata. È un modello di cui parla tutta Europa. Riace – spiega Carla Nespolo – dimostra che non solo l’integrazione è possibile, ma benefica. Se un piccolo borgo spopolato ha potuto riprendere mestieri, scuole e lavoro, proprio grazie alle nuove energie dei migranti, Riace ha già vinto”.

Per questo “oggi chiediamo a Luigi Di Maio e agli eletti del M5S di far sentire la propria voce su questa vicenda. No, cari amici 5stelle, non vale parlar d’altro. Reddito di cittadinanza, riforma delle pensioni e altro, sono obiettivi importantissimi. Ma anche Riace lo e’. Con il suo carico di umanita’ sofferente e di speranza. Non girate lo sguardo da un’altra parte. Fermate Salvini”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin