L’arte esplora l’inconscio delle macchine



Quando a inizio Novecento si sviluppò la psicoanalisi, nacquero tecniche artistiche come la scrittura automatica, il surrealismo e il flusso di coscienza per far emergere ciò che si nascondeva nell’inconscio. Oggi l’arte si propone un obiettivo analogo: portare alla luce l’immaginario di un altro «inconscio», l’intelligenza artificiale nascosta nel cuore delle macchine e degli algoritmi che ci organizzano la vita, le relazioni, i commerci. Con questo obiettivo nasce Low form, la mostra curata da Bartolomeo Pietromarchi al Maxxi di Roma … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin