La Sea Watch ha varcato le acque territoriali italiane, il comandante: “Basta, entriamo”


Sea Watch sbarco a Lampedusa


“Basta, entriamo. Non per provocazione, per necessità, per responsabilità”. Così dal profilo twitter, la Sea Watch 3 ha annunciato l’intenzione di entrare nelle acque territoriali italiane. Nel post precedente, si rilanciano le parole della comandante Carola Rackete: “Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo”. 

Inanto in diretta Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha detto che verrà usato  ogni mezzo lecito per fermare lo sbarco. “Useremo ogni mezzo lecito per fermare una nave fuorilegge, che mette a rischio decine di immigrati per uno schifoso giochino politico. Non darò l’autorizzazione allo sbarco a nessuno. Il comandante è avvisato: useremo ogni mezzo democraticamente concesso per bloccare questo scempio del diritto”.

“Mi sono rotto le palle” di vedere “l’Italia trattata come un paese di serie B. Chi sbaglia paga. La nostra pazienza e’ finita. L’Olanda ne rispondera'”.

“L’ingresso in acque territoriali italiane è l’unico esito in linea con il senso di umanità e il diritto internazionale italiano”. Lo dice all’Agi Riccardo Magi, deputato di +Europa, arrivato a Lampedusa, mentre la Sea Watch ha forzato il blocco delle acque italiane. “E questo verrà sicuramente accertato. Si interrompe una farsa di Stato che ha tenuto bloccate per l’ennesima volta 40 persone in fuori dalle acque italiane”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin