La proposta di Di Maio sui diritti e le tutele dei rider



In sei mesi di tavolo nazionale al ministero dello sviluppo a Roma i rider autorganizzati, i sindacati e le aziende della consegna di cibo a domicilio via piattaforma digitale non hanno trovato un’intesa sui diritti dei ciclo-fattorini delle piattaforme del «food delivery». Alla fine il ministro del lavoro e sviluppo Di Maio, che poche ore dopo il suo insediamento li ha ricevuti considerandoli il «simbolo» del nuovo precariato, ha presentato la bozza di una proposta di «accordo collettivo» ad hoc … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin