La pressione leggermente alta restringe il cervello, anche dei giovani


Ipertensione, gli alimenti che aiutano a mantenere bassa la pressione


Cacao


Precauzioni

La pressione sanguigna “ideale” dovrebbe essere inferiore a 120/80 mmHg. Per questo studio, l’ipertensione stata definita quando i valori sono superiori a 140/90 mmHg. In precedenza l’ipotesi era che il danno cerebrale correlato all’ipertensione si manifestasse in anni successivi ai 30, quando le malattie sono pi presenti, ma il nostro studio suggerisce che sottili cambiamenti nella materia grigia del cervello possono essere notati gi nei giovani adulti a cui non mai stata diagnosticata pressione alta, ha commentato l’autore dello studio Arno Villringer, del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia, in Germania.

Pressione arteriosa: come abbassare la massima al livello ottimale di 120 mmHg


Non eccedere con il consumo di sale


Lo studio

Lo studio ha coinvolto 423 persone con un’et media di 28 anni che sono state sottoposte a scansioni cerebrali MRI e almeno una lettura della pressione arteriosa. Un totale del 41% aveva una pressione sanguigna normale, il 29% aveva una pressione sanguigna da 120/80 a 129/84 mmHg, il 19% aveva una pressione sanguigna da 130/85 a 139/89 mmHg e l’11% aveva una pressione sanguigna superiore a 140/90 mmHg. Le persone con pressione sanguigna al di sopra del normale avevano maggiori probabilit di avere un volume di materia grigia inferiore in diverse aree del cervello, compresi i lobi frontali e parietali, cos come l’ippocampo, l’amigdala e il talamo. L’effetto maggiore era visibile nel giro frontale inferiore sinistro.

Ipertensione arteriosa: come si riconosce?


Cos’è l’ipertensione


La prevenzione

Insomma, il volume di materia grigia diminuisce con l’aumento della pressione sanguigna. Sebbene lo studio non provi in modo definitivo che la pressione sanguigna sopra la norma provochi in maniera diretta queste alterazioni della sostanza grigia, la ricerca suggerisce che il trattamento dell’ipertensione o il mantenimento della pressione sanguigna pi bassa nella prima et adulta potrebbe essere essenziale per prevenire i cambiamenti cerebrali senza sintomi che portano alle degenerazioni senili (come ictus e demenza), ha commentato Villringer.

24 gennaio 2019 (modifica il 24 gennaio 2019 | 18:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin