“La nave può entrare in acque italiane”


Lo stallo della Open Arms si avvia verso la conclusione. Con una decisione inattesa e senza precedenti, oggi il Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio ha scavalcato il decreto sicurezza bis di Matteo Salvini e ha disposto la sospensione del divieto di ingresso in acque territoriali italiane nell’imbarcazione della ogn spagnola Proactiva Open Arms, che potrà avvicinarsi a Lampedusa dopo quasi due settimane di stallo.

Ad annunciare la decisione del Tar è stata la stessa ong, secondo la quale il Tribunale ha “riconosciuto la violazione delle norme di Diritto internazionale in materia di soccorso e la situazione di eccezionale gravità e urgenza dovuta alla permanenza protratta in mare dei naufraghi“.

Open Arms aveva presentato ieri un esposto d’urgenza al Tar del Lazio, che oggi ha dato ragione alla ong e autorizzato il suo ingresso in acque italiane così da “permettere il soccorso delle persone a bordo“. La nave si sta già dirigendo verso Lampedusa:

Ci dirigiamo verso il porto sicuro più vicino in modo che i diritti delle 147 persone, da 13 giorni sul ponte della nostra nave, vengano garantiti.

A firmare il divieto di ingresso in acque territoriali italiani per la nave Open Arms erano stati i ministri Matteo Salvini, Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli sulla base di quanto previsto dal decreto sicurezza bis da poco diventato legge.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss







Autore dell'articolo: admin