la modella del caso Ruby non è stata avvelenata dalla radioattività


imane Fadil radioattivita

Olivier Morin / Afp


Imane Fadil, teste chiave nel processo Ruby




Nessuna traccia di radioattività nel corpo di Imane Fadil, la testimone dei processi Ruby, morta il 1 marzo scorso. E’ questo l’esito dei primi accertamenti condotti da un pool di consulenti disposti dalla Procura di Milano.

Gli esami sul corpo di Imane “escludono la presenza di radioattività“, si apprende da fonti qualificate. Cade così una delle tre ipotesi, quella di morte per avvelenamento da radioattività, ipotizzata per giustificare il decesso avvenuto dopo un mese di agonia alla clinica Humanitas.

Restano in piedi le altre due: avvelenamento da metalli pesanti oppure morte naturale per una malattia autoimmune.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin