La mappa che dice quanto spende l’Italia (e il resto del mondo) in ricerca e sviluppo


La mappa che dice quanto spende l'Italia (e il resto del mondo) in ricerca e sviluppo



Tutti i paesi del mondo sostengono di aver riservato una parte considerevole delle loro risorse in quel settore strategico che si chiama “ricerca e sviluppo”. Ma a quanto effettivamente ammontano questi investimenti? Esiste una classifica che mostra quali sono le nazioni che maggiormente hanno puntato a creare uno scenario di crescita a lungo termine? Uno studio di questo genere è stato portato avanti dall’Unesco e dal suo Istituto di Statistica.

Da dove arrivano i dati

Il primo numero che salta all’occhio è quello relativo alla spesa complessiva che ha raggiunto il livello record di quasi 1.7 trilioni di dollari. Il contributo maggiore arriva da 10 paesi che rappresentano l’80% del totale. Una tendenza che sta all’interno di quei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) che, nel 2015, oltre 190 leader mondiali hanno sottoscritto per provare a porre fine alla povertà estrema, per combattere le disuguaglianze e le ingiustizie e per contrastare i cambiamenti climatici.

I paesi in questione, tra le varie intenzioni, decisero di incrementare in modo sostanziale proprio la spesa per “ricerca e sviluppo” fino al 2030. E forse qualcosa è stato fatto per davvero. I dati sono stati raccolti attraverso una serie di piccoli studi regionali che l’Unesco ha messo insieme. Le cifre sono stati poi confrontati con il potere d’acquisto effettivo dei singoli Paesi e includono investimenti governativi, privati, accademici e no-profit.

HowMuch, sito che si occupa di creare dataviz e infografiche, ha trasformato il lavoro fatto dall’ente mondiale in una mappa che mostra, attraverso cerchi e colori, le differenze tra i vari Paesi.

 

La top ten (e l’Italia)

La medaglia d’oro se la giocano, come prevedibile, Washington (476,5 miliardi di dollari) e Pechino (370,5 miliardi), con gli americani ancora in netto vantaggio. Il Giappone (170,5 miliardi) occupa saldamente la terza posizione seguito dalla prima rappresentante europea, la Germania (ferma a quota 109,8 miliardi). Gli altri due paesi del vecchio continente, leggermente più attardate, sono Francia (60,8 miliardi) e Regno Unito (44,2 miliardi).

Completano la Top Ten, la Corea del Sud (73,2 miliardi). l’India (48,1 miliardi), il Brasile (42,1 miliardi) e la Russia (39,8 miliardi). L’Italia è rimasta ai piedi di questa classifica, undicesima, con poco meno di 30 miliardi di dollari di investimenti. I dati dell’UNESCO rivelano però anche altri indicatori importante. Un esempio? Mentre gli Stati Uniti impiegano 4.295 ricercatori per milione di abitanti, la Cina ne ha solo 1.096.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin