la censura russa mette mano al reboot e cambia Stalin con Hitler


In Russia in un dialogo del reboot “Hellboy” è stato sostituito Stalin con Hitler.

Chi scrive è tra coloro che hanno molto apprezzato il reboot di Hellboy che purtroppo è andato incontro ad un sonoro tonfo per una serie di motivi che nulla hanno a che fare con l’effettiva qualità del film. Tra questi motivi il paragone fondamentalmente ridicolo con la versione di Guillermo del Toro, il contenuto “R-rated” a tinte horror e splatter che ha inevitabilmente allontanato gran parte del pubblico (Hellboy non è certo Deadpool), e infine proprio l’approccio orgogliosamente horror del regista Neil Marshall e del creatore del fumetto originale Mike Mignola che ha inevitabilmente scatenato la consueta critica avversa e troppo spesso poco avvezza al genere.

Ora arriva una notizia curiosa sull’edizione russa del film che a quanto pare ha visto l’intervento della censura, che ha deciso di rimuovere un riferimento alla famigerata figura politica sovietica di Iosif Stalin. Al suo posto si è deciso di aggiungere un riferimento al dittatore nazista Adolf Hitler.

 

ATTENZIONE!!! A seguire trovate SPOILER sul film “Hellboy” quindi proseguite nella lettura a vostro rischio e pericolo.

 

La scena “incriminata” coinvolge una delle più riuscite e bizzarre creature del film, la famigerata Baba Yaga, strega ispirata al folklore russo. Ad un certo punto della sequenza l’Hellboy di David Harbor sta parlando con Baba Yaga e le ricorda che una volta ha cercato di far risorgere lo spirito di Joseph Stalin: “Ricordo che hai cercato di far risorgere il fantasma di Stalin da una necropoli”. La versione in lingua russa del film contiene invece questa versione del dialogo: “Voglio ricordarti che hai cercato di resuscitare lo spirito di Hitler da una necropoli”.

Anche i cinema in Russia che hanno deciso di proiettare la versione in lingua inglese del film sono intervenuti direttamente sull’audio del film con un censorio “bip” quando viene menzionato il nome di Stalin mentre la parola “Hitler” viene visualizzata sullo schermo nei sottotitoli.

Purtroppo tra le colpe imputabili al reboot basato sul fumetto di Mike Mignola c’era anche quella di aver impedito a Guillermo del toro e Ron Perlman di fare un terzo “Hellboy”, progetto che molti fan attendevano da tempo. Inoltre intorno al film c’è stato il solito gossip con fonti “anonime” che hanno parlato di continui screzi sul set tra i produttori e il regista Neil Marshall. Attualmente la percentuale di approvazione critica del film su Rotten Tomatoes si è stabilita su uno scarso 15%, mentre la valutazione del pubblico è molto più favorevole con il 62%. Purtroppo tutta una serie di fattori, tra cui una critica statunitense unanime nello stroncare il film, ha portato a risultati a dir poco mediocri al botteghino, con “Hellboy” che ha incassato solo 14 milioni di dollari a livello nazionale e 25 milioni  a livello globale da un budget di 50 milioni.

 

 

Fonte: BBC

 

 


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin