Julia Holter, la musica antidoto contro la xenofobia



Il mondo è una cacofonia assordante, dice Julia Holter, e l’unica strategia di sopravvivenza è rispondere con un coro di voci e suoni che abbracciano epoche, culture, lingue diverse. Dalle canzoni dei troubadour occitani a un’artista libanese, da Dante a Pushkin, da Saffo alla monaca buddista Choying Drolma, quel balbettio incoerente è elevato a principio compositivo, arte empatica che invita a restare umani in un mondo che ci spinge verso una ferocia innaturale. Se l’arte non ha il compito di … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin