John Cassavetes, l’utopia di un cinema umano


In una sala piena – quella intitolata a Henri Langlois, la più grande della Cinémathèque française – la cosa che colpisce di più sono le risate del pubblico, il divertimento condiviso nella riscoperta dei film di John Cassavetes sul grande schermo. L’effetto ancora oggi comico e al contempo di profonda tenerezza e empatia della sequenza di Love Streams – Scia d’amore (1984) in cui Sarah Lawson (Gena Rowlands), uscita per comprare al fratello un cane, torna a casa con due … Continua

L’articolo John Cassavetes, l’utopia di un cinema umano proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin