Jobs act e decreto Dignità illegittimi: l’indennità va decisa dal giudice



Il Jobs act e il decreto Dignità – che non l’ha modificato – sono incostituzionali perché vietano ai giudici del lavoro di stabilire una giusta indennità in caso di licenziamento ingiustificato. Viene così a cadere buona parte dell’architrave della riforma renziana: il contratto a tutele crescenti. Quello che ha sostituito il contratto a tempo indeterminato, quello senza articolo 18. Quello che di «tutele crescenti» aveva solo l’indennità di licenziamento: misere mensilità per anno di anzianità sul posto di lavoro perso. … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin