iPhone 11 | iPhone XI


Apple lavora ad una fotocamera 3D a laser che rivoluzionerà la Realtà Virtuale su iPhone. Ecco cosa si sa.


Aggiornamento del 31 gennaio 2019

Sul fatto che la prossima generazione di iPhone avrà la fotocamera a 3 lenti sembra non sussistere più alcun dubbio; l’incertezza, semmai, è sul design che adotterà (leggi sotto), e infatti pare che a Cupertino siano indecisi tra disposizione orizzontale oppure in un quadrato. Una nuova, recente indiscrezione tuttavia sostiene che il modulo a tre lenti sarà un’esclusiva del successore di iPhone XS Max da 6.5″, e questo è niente: gli iPhone dell’anno prossimo avranno pure le fotocamere laser.

Ricapitoliamo. I successori di iPhone XS e iPhone XR avranno fotocamere a due lenti come quelle attuali (aumentano solo i megapixel); iPhone XI Max, invece, avrà 3 lenti, di cui una da 10 megapixel, e un’altra da 14 megapixel; mistero invece sulla terza, che però dovrebbe servire a ottenere un campo visivo più ampio, un range di zoom più elevato e in generale un numero superiore di pixel, e dunque di dettagli.

Apple sta lavorando inoltre ad una tecnologia che consentirebbe di utilizzare questi pixel in più per riparare foto e video in modo automatico, così da farvi rientrare “un soggetto che potrebbe essere stato scartato per errore dallo scatto.” In più, ci sarà una versione migliorata di Live Photo che porterà a 6 secondi complessivi il video collegato ad ogni fotografia.

La fotocamera frontale TrueDepth passa dagli attuali 7 megapixel a 10 megapixel; infine, non sembra corroborata la possibilità dell’abbandono di Lightning in favore di USB-C.

La vera sorpresa, tuttavia, è dall’evoluzione prevista per gli anni successivi. Gli iPhone del 2020, infatti, avranno fotocamere 3D laser che restituiranno un’esperienza completamente nuova e più efficace, nel campo della Realtà Aumentata. Grazie ai cosiddetti sensori time-of-flight (ToF), iPhone sarà dunque possibile misurare la distanza dagli oggetti fisici con un raggio laser, il che consentirà a sua volta di ricostruire una mappatura pressoché perfetta dell’ambiente circostante fino a una distanza massima di circa 5 metri. E il primo dispositivo a beneficiare di questa novità sarà iPad Pro, per il quale non sono previsti aggiornamenti durante l’anno in corso.

Possibile design della fotocamera a 3 lenti

Oramai l’andamento dello sviluppo a Cupertino è consolidato. Sappiamo che ad ogni anno in cui ci sono novità importanti sul fronte del design, segue poi sempre un’annata “S” in cui vengono aggiornati solo processore, fotocamera e software. Evoluzione, piuttosto che rivoluzione.

Ovviamente è presto per poter avanzare ipotesi concrete, soprattutto riguardo i particolari estetici del dispositivo in arrivo dopo l’estate del 2019; possiamo anticipare che complessivamente dovrebbe essere un gingillo più sottile (grazie agli sforzi di Samsung), e che non supporterà il 5G; pare che avrà sensori 3D integrati nella fotocamera posteriore, e dunque 3 lenti, ma a livello di resistenza ai liquidi dovremmo essere nella stessa barca di iPhone XS. Di sicuro includerà un processore A13 più potente, e forse potrebbe dire definitivamente addio al 3D Touch.

Per il resto è praticamente un mistero, e ci sono buone probabilità che pure a Cupertino debbano ancora definire diversi dettagli. Ecco perché fa piacere poter dare un’occhiata in anteprima ad iPhone XI grazie ai voli pindarici dei designer.

Il video che vedete qui in cima al post è stato messo a punto da Concept Creator, e mostra un telefono in cui la Notch scompare per lasciar posto a due fori nel display, tipo il Huawei Nova 4.

Qui di seguito, invece, trovate una Gallery con tutti i design possibili della fotocamera posteriore. Alcuni la pongono al centro della scocca, in perfetta simmetria, altri la lasciano sul lato ma abbondano con la superficie occupata. Altri ancora, invece, comprimono tutto in un quadratino più piccolo d’un francobollo. A voi quale design piace di più? Diteci la vostra nei commenti, su Twitter o sulla nostra pagina Facebook.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin