incriminati due hacker cinesi, legati all’intelligence di Pechino



Il Dipartimento di Giustizia americano ha incriminato due cinesi, accusati di aver hackerato le reti informatiche e telematiche di aziende e agenzie governative di Paesi occidentali. La coppia, riporta la Bbc, era parte di un “gruppo di hackers” noto come ‘Advanced Persistent Threat 10’ e legato all’intelligence di Pechino. Zhu Hua e Zhang Shilong lavoravano per un’azienda cinese, la Huaying Haitai, collegata al ministero cinese per la Sicurezza dello Stato e dal 2006 al 2018 sono riusciti a carpire informazioni penetrando nei computer di almeno 45 compagnie dell’hi-tech e di sicurezza tecnologica in 12 paesi, tra cui Gran Bretagna, Brasile, Canada, Finlandia, Francia, Germania, India, Giappone, Svezia. Svizzera. I due hanno anche aperto una breccia nel sistema informatico della Marina americana, rubando informazioni relative a 100.000 dipendenti. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin