Inail, nel 2018 sono aumentati gli infortuni mortali sul lavoro


Il 2018 ha visto un aumento del 10% degli infortuni mortali sul posto di lavoro rispetto al 2017, 1.133 decessi nei 12 mesi del 2018 contri i 1.029 decessi dell’anno precedente. A riferirlo sono i dati dell’Inail, che confermano un aumento complessivo delle denunce di infortunio tra i mesi di gennaio e dicembre 2018, +0,9% rispetto all’anno successivo.

Tradotto in numeri, il 2018 ha visto la presentazione di 641.261 denunce di infortunio, mentre nel 2017 ne erano state presentate 635.433. Secondo i dati dell’Inail sono aumentati anche i casi di patologie di origine professionale: 59.585 casi nel 2018 rispetto ai 58.129 dell’anno precedente, +2,5% (1.456).

La categoria più coinvolta da questi aumenti è quella degli uomini (+1,4%) fino a 34 anni (+4,0%), mentre sul fronte del territorio è stato il nord-est dell’Italia a far registrare il maggior aumento rispetto al 2017: +2,2% rispetto al +1,1 del Nord-Ovest del Paese. In calo, invece, le denunce dal centro Italia (-0,8%) e dalle isole (-1,0%).

Se consideriamo invece i soli decessi – 1.133 in tutto il 2018 – il maggior incremento è stato registrato nel nord-ovest, dove ci sono stati 47 casi mortali in più rispetto al 2017, anche se la regione italiana che ha avuto più casi rispetto all’anno precedente è stata la Campania, con 27 decessi in più.

Il mese più drammatico è stato quello di agosto 2018, che tiene conto della tragedia del ponte Morandi di Genova e due incidenti stradali avvenuti in Puglia costati la vita a 16 braccianti agricoli. Per questo ad agosto si sono registrate 132 morti rispetto alle 78 dell’anno precedente.

Foto | iStock




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin