In Spagna si accende lo scontro politico sui migranti


spagna migranti casado​ sanchez



L’ondata migratoria che si sta riversando sulla Spagna infiamma lo scontro politico tra il governo di minoranza socialista e il Partito popolare guidato da Pablo Casado, già ribattezzato il “Salvini spagnolo” per le sue posizioni intransigenti in materia.

Il ministro dell’Interno, Fernando Grande-Marlaska, ha difeso in Parlamento la linea dell’esecutivo, che non ha impedito di respingere in Marocco i 116 migranti subsahariani che il 22 agosto scorso avevano sfondato la recinzione al confine, entrando con la forza nell’enclave spagnola di Ceuta​. Marlaska ha sottolineato che il governo si ispira a due principi fondamentali: “Sicurezza e soprattutto umanità, ma umanità non è uguale a permissivismo”. Il ministro ha poi avvertito che il governo “non permetterà un’immigrazione violenta, che minaccia il Paese e le forze di sicurezza”.

spagna migranti casado​ sanchez

Casado e Sanchez

Il riferimento è proprio agli assalti dei migranti a Ceuta, dove l’ultima volta – ha riferito Marlaska – i migranti hanno usato cesoie, mazze, pietre e prodotti chimici, ferendo sette agenti spagnoli.
Il ministro ha spiegato che, con le 116 espulsioni, Madrid ha voluto inviare un messaggio chiaro alle mafie implicate anche negli assalti alle recinzioni che separano il Marocco dall’Europa e che stanno diventando sempre più frequenti. 

Proprio a Ceuta si era recato di recente il neo-leader del Partito popolare, Pablo Casado, che è tornato ad attaccare il premier Pedro Sanchez accusandolo di aver “triplicato” gli arrivi dei migranti clandestini in Spagna. “Siamo davanti alla peggiore ondata migratoria dell’ultimo decennio”, ha tuonato Casado, denunciando che quando “meno di un mese fa” aveva avvertito che la politica migratoria del governo alimentava le mafie, minacciava l’integrità dei confini europei e l’incolumità degli agenti della Guardia Civil era stato tacciato di “razzismo e xenofobia”. “Ora il governo sta facendo quello che ha detto il Partito popolare e fa uso di metodi di contenimento ai confini e lungo i perimetri di sicurezza”, ha concluso il leader dell’opposizione.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin