Il Salone di Parigi: elettriche e suv Ecco tutte le novità in arrivo |Foto


Spiegare il Salone di Parigi (dal 4 al 14 ottobre, oggi e domani i giorni riservati alla stampa), quest’anno, non facile. Innanzitutto perch gli assenti sono quasi pi numerosi dei presenti. Mancano all’appello FCA (ma c’ la Ferrari), Ford, Audi, Volkswagen (inteso come marchio: del gruppo tedesco, invece, ci sono Skoda, Seat, Porsche e Lamborghini), Mini, Volvo, Nissan, Subaru, Mitsubishi e Mazda.

I perch delle assenze

Il motivo innanzitutto economico. Per allestire e far funzionare quegli stand faraonico-hollywoodiani (strutture, personale) servono milioni e milioni di euro, che oggi scarseggiano e comunque investiti in campagne di marketing garantiscono ritorni d’immagine pi importanti. Non solo: le auto sono sempre pi acquistate per i loro contenuti elettronici (l’assistenza, la connettivit, l’infotainment), quindi molti costruttori hanno cominciato a guardare con interesse (e a investire di conseguenza) a eventi come il CES di Las Vegas e il Mobile World Congress di Barcellona, nei quali hanno l’opportunit di intercettare un pubblico nuovo, giovane, promettente.

Quelli che ancora ci credono

Non che, al contrario degli assenti, i marchi presenti si possano permettere di sprecare denaro. Solo che le loro strategie contingenti, con le novit di prodotto da svelare, li obbligano a non mancare l’appuntamento con operatori e pubblico. Parliamo dei brand di casa (come potrebbero mancare i francesi dei gruppi Renault, con l’eccezione di Nissan, e PSA, con l’eccezione della new entry Opel?), ma anche di Bmw, Mercedes-Smart, Jaguar-Land Rover, Hyundai-Kia, Suzuki, Toyota-Lexus.

Le novit importanti

In qualche modo, l’assenza di molti marchi d l’opportunit a quelli che ci sono di valorizzare come non mai le loro proposte. Il gruppo PSA, per esempio, si schiera in modo massicce e trasversale nel campo dell’elettrificazione. Mercedes porta al debutto modelli di grande volume come Classe B, Classe C Sedan e GLE. La Bmw mette in mostra le inedite Serie 5, X5 e Z4. Kia present la Proceed.

L’elettrificazione

Si diceva dell’elettrificazione: era un fiore all’occhiello fino a non molto tempo fa, ora normale amministrazione. Il mercato del Diesel in calo (in Italia come in tutt’Europa): gli altol nelle citt e gli annunci di smobilitazione dei costruttori stanno erodendo il consenso del gasolio. E pazienza se in questa campagna contro i motori Diesel c’ molta superficialit (per dire demagogia): il pubblico ormai guarda altrove. Sta di fatto che per rientrare nei limiti medi di emissione della gamma presenti e futuri, tutti i costruttori devono mettere nei loro listini modelli elettrici o ibridi. Cos, per la serie emissioni zero, Mercedes lancia ufficialmente la EQ C, il modello da oltre 400 km di autonomia che porta al debutto la famiglia elettrica EQ. Mentre DS porta le DS3 e DS7 Crossback e-Tense. E la Kia svela la Niro EV. Tra le ibride (a benzina) si distinguono le Peugeot 3008 e 508 ibride plug-in e la Honda, con la CR-V Hybrid.

I suv vanno fortissimo

E i suv? Ci sono eccome: il trend ancora forte. Nella prima parte di quest’anno un’auto venduta su tre al mondo stata un suv e, secondo MarketsandMarkets, la produzione mondiale di questo segmento destinata a crescere a un tasso annuo del 5%, raggiungendo i 30,2 milioni di unit entro il 2020. Naturale che l’industria segua questa tendenza. Cos ecco il debutto della Range Rover Evoque II e della Seat Tarraco, ecco i restyling della Renault Kadjar e della Porsche Macan.

La guida assistita e quella autonoma

Molta carne al fuoco anche per quanto riguarda la guida autonoma o parzialmente autonoma, mentre ormai chiaro che il pilota automatico ancora una chimera. A Parigi non mancano soluzioni futuribili su concept come la Renault Z35, ma certi toni da avvento imminente della guida autonoma sono superati. In Italia, del resto, possono essere vendute solo vetture con un livello 2 di autonomia, cio con automatismi e indicazioni di allerta a volont, ma non permettono al guidatore di staccare le mani dal volante.

Volont di potenza

Ma a tirare il carro delle emozioni sono sempre loro, le supercar, le sportive. Dalle Ferrari (la 488 Pista e le Monza SP1 e SP2) alla Aston Martin Superleggera, alla Mercedes A35 AMG. Ci sono, tuttavia, anche proposte di marchi che l’immaginario collettivo non collega alle emozioni pi sfrenate… Come la Hyundai i30 Fastback N, la Renault Megane RS Trophy e le Skoda Kodiaq e Vision RS. Perch, comunque, quando si hanno a disposizione tanti cavalli si fa meno fatica a muovere le passioni.

2 ottobre 2018 (modifica il 2 ottobre 2018 | 11:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin