Il posto scomodo di chi è invisibile



Democrazia è oggi parola che ha un suono un po’ spaesante, potremmo perfino dire «perturbante» con un riferimento a quella dialettica di familiare ed estraneo che ne definisce il concetto per Freud. Da una parte, come resistere all’impressione che la democrazia sia in qualche modo esausta, svuotata da un insieme di processi e di poteri che ne aggirano continuamente le procedure, le forme e lo stesso «spirito»? Se siamo tutti familiari con le analisi dei processi contemporanei di governo (o … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin