Il palestinese arrestato progettava attacco con antrace


palestinese arrestato antrace
Alessandro Serranò / AGF
Federico Cafiero De Raho, Procuratore nazionale antimafia (AGF)




Il palestinese arrestato in Sardegna progettava un attacco con ricina e antrace. Lo ha rivelato Federico Cafiero de Raho, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, nel corso di una conferenza stampa: “Questo – ha spiegato – è un arresto di grande importanza, la persona è stata arrestata per associazione terroristica internazionale. L’accusa è di aver aderito allo pseudo stato terrorista islamico, il Daesh, l’Isis. Il soggetto ha progettato una modalità di attacco attraverso la ricina e l’antrace”.

L’indagine nasce a settembre – ha aggiunto – quando è stato comunicato che a Macomer un palestinese si stava muovendo per utilizzare degli strumenti nel corso dei mesi successivi durante una prossima festività. Su questa però manca ancora chiarezza. Le informazioni – ha concluso – arrivano dell’arresto in Libano di un cugino dell’uomo fermato in Sardegna”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin