Il falchi scalpitano. Ma per la procedura la Ue non ha fretta



I duri scalpitano. Reclamano misure punitive contro l’Italia disobbediente. La lettera di Tria è appena arrivata e già i Paesi che da sempre si mostrano più rigidi, l’Olanda e l’Austria, insistono per il pugno di ferro. «Questo bilancio non soddisfa gli accordi che abbiamo stipulato. Spetta alla commissione prendere provvedimenti», va giù secco il ministro delle Finanze olandese Hoetzka. Ancora più rigido l’omologo di Vienna Loeger: «Se il governo italiano non dovesse arrendersi causerebbe una battuta di arresto per l’area … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin