II Consiglio militare cambia volto ma non cede. E la protesta in Sudan va avanti


Via il ministro della Difesa Awad Ibn Auf, uomo forte del colpo di mano militare che ha deposto e messo agli arresti il presidente al Bashir giovedì scorso. Via anche il generale Salah Gosh, ancora più inviso ai dimostranti perché a capo del famigerato National Intelligence and Security Service (Niss). Via anche il coprifuoco notturno. E fuori i prigionieri politici, inclusi i manifestanti arrestati a migliaia fino a qualche giorno fa. Sembrano aperture vere, quelle messe sul piatto dalla giunta … Continua

L’articolo II Consiglio militare cambia volto ma non cede. E la protesta in Sudan va avanti proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin