I Rondinini nella catena del gusto


Partiamo dalla fine della storia, quando il 30 giugno 1952 il sindaco di Milano Virgilio Ferrari riuscì ad assicurare, dopo un’infinita serie di trattative, la Pietà di Michelangelo (l’ultimo capolavoro del ‘divino’ artista, lasciato incompiuto) al suo comune, complice anche il sostegno dell’allora direttrice della Pinacoteca di Brera Fernanda Wittgens. L’opera è nota ancora oggi come Pietà Rondinini, dal nome dei loro antichi proprietari. Insieme alla Medusa conservata oggi alla Glyptothek di Monaco di Baviera l’opera è forse il pezzo … Continua

L’articolo I Rondinini nella catena del gusto proviene da il manifesto.


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin