I partiti di governo tornano a dividersi sul valore del 25 aprile 


salvini di maio 25 aprile 

Alessandro Serrano’ / AGF 


Il Ministro dell’Interno, al Viminale, tiene una riunione su sicurezza, terrorismo, estremismo islamico e immigrazione. Nella foto Matteo Salvini




Unanimi nel chiedere che diventi una giornata di “unione”, Matteo Salvini e Luigi Di Maio tornano a dividersi su significato e partecipazione alle celebrazioni della Festa della Liberazione. Il governo ‘sfila’, quindi, diviso il 25 Aprile: come annunciato, gli esponenti del Movimento 5 stelle partecipano ai festeggiamenti ufficiali, mentre i ministri leghisti disertano le celebrazioni, sulla scia del loro leader che preferisce inaugurare un commissariato di Polizia a Corleone, in Sicilia.

Oggi è “una grandissima giornata nazionale nella quale la parola d’ordine deve essere unione – scandisce il vicepremier pentastellato, che, invece, partecipa alla cerimonia per il 25 Aprile nella sinagoga romana di via Balbo, per poi trasferirsi a Perugia per la visita istituzionale all’ospedale – Unione sui nostri valori fondanti, sulla nostra Costituzione e sui nostri nonni che ci hanno liberato e ci hanno permesso di avere una festa, quella della Liberazione, che ricorda il momento in cui l’Italia ha cominciato il suo percorso democratico”.

“Divide chi non vuole festeggiarlo. Noi non vogliamo essere divisivi, il 25 aprile deve essere una giornata di unione”, attacca con riferimento indiretto a Salvini. “Puoi anche andare a Corleone a dire che vuoi liberare il Paese dalla mafia, ma per farlo devi evitare che la politica abbia anche solo un’ombra legata a inchieste su corruzione e mafia”, rincara la dose, chiedendo nuovamente le dimissioni del sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per corruzione nell’ambito dell’eolico. Dello stesso avviso, in merito all’importanza della celebrazione, è Giuseppe Conte.

Il presidente del Consiglio è al fianco del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella all’Altare della Patria a Roma, per rendere omaggio ai caduti per la libertà, poi depone una corona davanti al Sacrario delle Fosse Ardeatine, in ricordo dell’eccidio del 24 marzo del 1944 in cui furono trucidate 335 persone, tra militari e civili.

“Oggi è importante festeggiare”, perché il 25 Aprile “è la festa di tutti”, sostiene Conte, parlando con i cronisti. “Oggi è un giorno di festa, non facciamo polemiche”, risponde poi a chi gli chiede se il ministro dell’Interno sbagli a non festeggiare. “Oggi noi dobbiamo festeggiare, insieme, il nostro patto fondativo, la scelta compiuta di riprendere il futuro nelle proprie mani. Salvini? Non rispondo delle sue scelte – aveva premesso in un’intervista a ‘Repubblica’ – Per me non è il giorno in cui è prevalsa una ideologia rispetto a un’altra, una fazione politica rispetto a un’altra. È il giorno in cui il popolo italiano ha espresso una tenace volontà di riscatto e di rigenerazione morale dopo i tragici anni della dittatura e della guerra. È la data da cui origina l’affermazione dei valori della libertà, della dignità, della democrazia, della pace”.

Salvini giustifica la scelta di stare a Corleone

Ma Salvini non indietreggia neanche di un millimetro e difende la sua scelta di celebrare questa giornata dedicandola a un altro tema, ovvero la mafia: “Mi piacerebbe che il 25 aprile fosse la giornata dell’unione e della pacificazione nel nome dell’Italia che verrà, poi ognuno si tiene proprie idee, distanze, e obiettivi: ho scelto Corleone per dire ai giovani che vince lo Stato”.

Sui social Salvini rispolvera il celebre video della ruspa, ovvero il filmato di fine novembre che lo ritrae mentre manovra il macchinario per abbattere la villetta sequestrata ai Casamonica alla Romanina. Il video è montato insieme a sue immagini inedite registrate in vista delle elezioni europee del 26 maggio. “Ruspare la villa di un boss è qualcosa per cui vale la pena fare il ministro, la mia missione è liberare l’Italia da tutte le mafie, un cancro che va affamato e distrutto”, commenta. “Ho fatto bene a venire a Corleone oggi – si difende, dalla Sicilia – sarebbe stato più semplice svegliarmi tardi e stare a Milano o a Roma, ma onere del ministero dell’Interno è anche andare dove ci si sente più lontani. Ho sentito mio dovere essere qua, in trincea, per gli uomini e donne in divisa e per quelli che non la indossano, che resistono e vinceranno, perché la mafia non vince”.

“La scelta di stare a Corleone per la festa della Liberazione è assolutamente in sintonia con chi rischia la vita indossando la divisa per liberare il paese dall’occupazione della mafia. Pensate che stia facendo un picnic qui o una scampagnata? Qualunque cosa avessi fatto io oggi avrebbero fatto polemica”, sostiene.

“C’è una parte del Paese contento che io sia qui. Non so dove siano gli altri ministri, rispetto le loro scelte, rispettino la mia: io sono orgoglioso di essere nel cuore della Sicilia perché molto è stato fatto, ma c’è un pezzo importante di strada da fare per sconfiggere la criminalità organizzata”. “Voglio liberare l’Italia da tutti gli estremisti, tutti, di destra, di sinistra, di sopra e di sotto. Voglio tranquillizzare i colleghi giornalisti: l’Olocausto non tornerà più e non torneranno né il fascismo, né il nazismo, né il comunismo. Credo sia la notizia di oggi… qualche altra domanda sui gulag…?”, dice sarcastico.

Fico replica alla ‘liberazione dalla mafia’

Ma le sue posizioni attirano critiche trasversali agli schieramenti e di diversi esponenti delle istituzioni. “Non c’è nessuna sfida tra festa della Liberazione e liberazione dalla mafia. Sono due cose che non possono essere messe sullo stesso piano”, scandisce il presidente della Camera, Roberto Fico. “Noi siamo qui: il 25 aprile e va ricordato, va affermato e festeggiato perché siamo una Repubblica fondata su quei valori. La lotta alla mafia purtroppo è un cancro dal quale ci dobbiamo liberare e dobbiamo essere tutti uniti per farlo”.

“Siamo in un Paese libero dove uno può anche decidere di andare a Corleone invece di venire in piazza per celebrare il 25 Aprile. Le persone che sono morte in quegli anni per la libertà sono quelle che permettono a tutti anche di svolgere la propria attività in modo autonomo”, sottolinea il vicepresidente del Csm, David Ermini.

“Lo dovrà dire Matteo Salvini” se il 25 aprile è anche la sua festa “perché è chiaro che se manifestiamo nostalgia verso momenti non democratici … Io non penso certamente che Salvini voglia essere da quella parte, ma anche snobbare il 25 aprile non va bene”, attacca il sindaco di Milano, il democratico Giuseppe Sala.

“Non diamo per scontato niente. La conquista della Liberazione è stata una conquista tragica, darla per scontata nel mondo moderno è l’ultima cosa che bisogna fare”. “La lotta alla mafia non bisogna ricordarla solo il 25 aprile, sarebbe utile che il governo se la ricordasse tutti i giorni”, afferma il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

“Vorrei ricordare a tutti che la mafia c’è da 150 anni e si era messa pienamente d’accordo anche con il fascismo. Credo che sia stupido mettere sullo stesso piano fascismo e comunismo – conclude -, il fascismo è stato combattuto anche dal comunismo insieme a tutte le altre culture e se siamo liberi è perché c’è stata libertà”.

“Oggi manifestare per qualcos’altro è illegittimo, significa non voler celebrare la resistenza e la guerra di liberazione e inoltre si fa anche un’operazione strumentale. La lotta alla mafia si fa tutti i giorni” e “questa lotta titanica del popolo italiano che non va messa in contrapposizione con la liberazione dalla dittatura”, dice il presidente dell’Anpi di Roma Fabrizio De Sanctis, durante il corteo a Roma. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin