I limiti di Spalletti pesano sull’Inter: non è una differenza, come Allegri o Ancelotti



Non è né un fratello, né un riferimento duro: troppe sostituzioni discusse, troppi miglioramenti mai nati, troppe scelte di mercato subìte. Male anche Roma e Milan


Link Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Autore dell'articolo: admin