Gistbusters 3 attaccato su Twitter dall’attrice Leslie Jones


L’attrice Leslie Jones, una delle nuove acchiappafantasmi del reboot di Paul Feig, attacca il nuovo film di Ghostbusters.

Grande entusiasmo è scaturito dalla recente notizia che non ci sarà un altro Ghostbusters di Paul Feig, ma bensì un Ghostbusters 3 diretto da Jason Reitman, notizia accompagnata da un nostalgico teaser ufficiale di annuncio a confermare che il progetto è effettivamente in cantiere.

Nel frattempo l’attrice Leslie Jones, che nel reboot interpretava l’acchiappafantasmi Patty Tolan, ha recentemente utilizzato Twitter per lanciarsi in uno sfogo contro il nuovo film, definendolo “un insulto” e descrivendolo come qualcosa nello stile di Donald Trump.

 

 

L’insuccesso del reboot “Ghostbusters” continua ad essere in parte giustificato dall’intervento sul web di un esercito di cavernicoli maschilisti a cui è andato il sangue al cervello alla vista di quattro uomini rimpiazzati da quattro donne; forse a giustificare anche una corposa serie di recensioni positive del film che per il sottoscritto risultano assolutamente incomprensibili di fronte ad un’operazione reboot superflua, pacchiana e palesemente irrispettosa del film originale.

Tanto per essere chiari, il sottoscritto come premesso considera il reboot di Paul Feig pessimo, mentre l’idea di un quartetto di acchiappafantasmi al femminile è invece parsa da subito un’idea molto intrigante e dal grande potenziale. Cercare scusanti per il flop del reboot di Paul Feig celandosi dietro al becero maschilismo di un gruppetto di facinorosi sessisti da tastiera è ridicolo nonché offensivo dell’intelligenza dei molti fan del Ghostbusters originale che hanno semplicemente snobbato un’operazione goffa e malriuscita.

L’originale Ghostbusters di Ivan Reitman uscito nei cinema nel 1984 ha introdotto al mondo l’iconica squadra di acchiappafantasmi interpretati da Bill Murray, Dan Aykroyd, Harold Ramis e Ernie Hudson. Il film ha generato un sequel, videogiochi, fumetti, serie tv d’animazione e il reboot del 2016 ambientato in un universo alternativo dove i Ghostbusters originali non sono mai esistiti, lanciando così una nuova squadra composta da Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Leslie Jones e Kate McKinnon.

Nonostante una critica particolarmente favorevole il nuovo Ghostbusters non ha avuto il successo sperato e Sony ha annunciato un altro reboot / revival. Questa volta però si è optato per un sequel diretto di Ghostbusters II del 1989, ambientato nel medesimo universo del film del 1984 e diretto da Jason Reitman, figlio di Ivan Reitman regista del film originale.

Il tweet di Leslie Jones mostra un’inesattezza, il nuovo Ghostbusters di Reitman a quanto pare vedrà un nuovo team di adolescenti composto da due ragazzi e due ragazze, quindi niente ritorno ad un team tutto al maschile. Comprendiamo lo sfogo dell’attrice che ha subito anche dei vigliacchi tweet razzisti, però il suo sfogo dovrebbe rivolgersi all’attacco sessista al reboot e non all’indirizzo di un progetto legittimo e decisamente molto più rispettoso del materiale originale del film a cui lei ha preso parte.

Non resta che attendere aggiornamenti sul nuovo Ghostbusters sperando di rivedere riunito il team di acchiappafantasmi originali, escluso ovviamente Harold Ramis scomparso nel 2014 e naturalmente Bill Murray permettendo, l’attore si è sempre dimostrato oltremodo riluttante, per usare un eufemismo, ad un suo ritorno al ruolo di Peter Venkman.

 

 

Fonte: THR

 

 

 




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin