Gilberto Baschiera, il direttore di banca ‘Robin Hood’


Il direttore di banca che “rubava ai ricchi per dare ai poveri”

A Forni di Sopra come nella foresta di Sherwood. Il protagonista di questa storia non è Robin Hood bensì Gilberto Baschiera, il direttore di una piccola filiale della Banca di Carnia e Gemonese del Credito Cooperativo di un paesino di montagna nel Friuli. Gilberto Baschiera ha appena patteggiato 2 anni di reclusione (con pena sospesa perché incensurato) per aver sottratto quasi 1 milione di euro dai conti correnti dei clienti più facoltosi.

Neanche un centesimo di questo denaro è però finito nelle sue tasche. Il direttore della filiale ha infatti deciso di aiutare i clienti in difficoltà trasferendo sui loro conti del denaro sottratto ai clienti facoltosi. Un’opera di redistribuzione ben congegnata quella di Baschiera, che ha fatto queste operazioni dal 2009 al 2016 senza che nessuno si rendesse conto di nulla.

Nel 2009 Baschiera ha deciso di ribellarsi al sistema, come ha spiegato a Repubblica: “Dal 2009 anche la nostra piccola filiale non decideva più sulla base di una valutazione complessiva del cliente, ma sul livello di affidabilità stabilito a tavolino da un computer“. Baschiera ha spiegato che per lui c’erano “prima le persone dei numeri” e che trovava intollerabile “abbandonare pensionati con la minima e giovani senza risorse“: “Ho sempre pensato che oltre a tutelare i risparmiatori il nostro compito fosse soccorrere chi ha bisogno“.

In virtù di questa sua ribellione adesso ha perso la casa nella quale viveva con la sua famiglia: “Ora non posso contare su nessuno, nemmeno su chi ho aiutato“. Quando è stato scoperto l’ex direttore ha spiegato di aver subito telefonato alle vittime della sua ‘redistribuzione’: “Dopo quanto accaduto, ho chiamato subito le persone a cui ho sottratto i soldi, non volevo impoverire loro a vantaggio di altri, ma solo aiutare chi aveva bisogno. Immaginavo di poter restituire quel denaro e invece“.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin